Revolut

240
Revolut
Revolut

La ricerca di strumenti finanziari in grado di mettere insieme operatività e convenienza, si è giovata negli ultimi mesi dell’arrivo di Revolut (sito ufficiale). Si tratta di una carta prepagata che ha catalizzato il favore di molti consumatori in ogni parte d’Europa.

In questa recensione cerchiamo i motivi del suo notevole successo e di capire anche le opinioni degli utenti che la usano.

Cos’è Revolut

Varata inizialmente nel Regno Unito, Revolut (sito ufficiale) è una carta prepagata che è riuscita ad affermarsi grazie ad una serie di caratteristiche tali da farne uno strumento molto utile.

Trasferisci denaro in 30 valute con Revolut

Arrivata in Europa ha proseguito il suo moto ascensionale attirando l’attenzione di un gran numero di utenti.

Sono ormai più di 7 milioni quelli che hanno deciso di adottarla, compresi i tanti italiani che l’hanno già sottoscritta.

Un numero che potrebbe lievitare ancora nei prossimi mesi, proprio in considerazione dei profili di innovazione che caratterizzano Revolut. Tali da favorire una notevole accoglienza soprattutto tra i consumatori più giovani e maggiormente a proprio agio con le nuove tecnologie.

Revolut: cosa si può fare con la carta?

Come abbiamo detto, quindi, Revolut (sito ufficiale) è una carta prepagata.

Se in tale modo viene indicata, va però sottolineato come in effetti si tratti di un servizio bancario digitale da utilizzare tramite App in modo da trasferire denaro.

Le operazioni valutarie avvengono praticamente in tempo reale e, cosa molto importante, utilizzano il tasso interbancario. Si tratta in pratica di quello utilizzato dagli istituti bancari quando si prestano denaro tra di loro.

Cosa si può fare con Revout

Revolut (sito ufficiale) è poi associato a carte di credito, reali e virtuali, tra cui quelle usa e getta e può essere utilizzato alla stregua di strumento di risparmio facendo leva sulla funzione Vault.

In tal modo è possibile accantonare I soldi da traferire sul conto principale, in ogni momento.

Trattandosi di un prodotto che ha l’ambizione di essere innovativo, non poteva poi mancare l’appuntamento coi prodotti finanziari e monetari di ultima generazione, ovvero il trading online e le criptovalute.

Una propensione messa in campo con l’evidente intento di calamitare la clientela più dinamica in assoluto, quella giovanile. Con risultati notevoli.

Quanto costa effettuare pagamenti con Revolut?

Con la carta Revolut (sito ufficiale) è possibile effettuare pagamenti, online e presso le rivendite tradizionali, in oltre 140 valute, un numero che continua peraltro ad aumentare.

Per stabilire i costi delle operazioni, occorre precisare:

  • ove la transazione non superi i 6mila euro al mese, non occorre versare spese di commissione;
  • nel caso in cui gli importi eccedano tale quota si applica una commissione pari allo 0,5%;
  • passando dal piano base a quelli Premium o Metal, non si pagano spese di commissione.

Per capire se si sta varcando la fatidica soglia dei 6mila euro, è possibile il margine senza commissione rimanente in ogni momento. Lo si può fare consultando la sezione “Profilo”, presente nel proprio piano tariffario.

Come effettuare i prelievi e i costi

Screenshot app RevolutPer quanto concerne i prelievi, è possibile effettuarli da qualsiasi bancomat posizionato in ogni parte del globo, a patto che supporti il circuito Mastercard o Visa.

In questo caso bisogna prestare attenzione al fatto che alcuni operatori sono soliti applicare una commissione.

Nel caso in cui lo sportello con cui si effettua il prelievo richieda di scegliere tra un conto di “credito”, “controllo” o “risparmio”, si consiglia di optare per gli ultimi due.

Ove venga invece chiesto se la transazione debba essere “con conversione” o “senza conversione”, la scelta migliore è la seconda ipotesi. L’operatore, nel caso contrario, potrebbe infatti applicare il proprio tasso di cambio, meno conveniente di quello interbancario. In un caso o nell’altro, l’addebito dovrebbe avvenire utilizzando la moneta sovrana del Paese ove si effettua l’operazione. 
E’ proprio l’azienda, poi, a sconsigliare di utilizzare un bancomat Travelex per il prelievo, in quanto il provider potrebbe applicare il proprio tasso di cambio, meno favorevole rispetto a quello interbancario, anche nel caso in cui l’utente abbia indicato come modalità l’addebito in valuta locale.

Il discorso sui costi è analogo a quello fatto per i pagamenti. Sono gratuiti sino a 200 euro al mese, mentre per gli importi eccedenti la commissione applicata è nell’ordine del 2%. Chi opta per il conto Premium o Metal paga identica commissione solo sopra la soglia dei 400 e 600 euro.

Come inviare denaro su un conto bancario e i costi

I trasferimenti su un conto bancario, godono del supporto in 31 valute fiat.

L’iter è molto semplice e basta:

  • fare tap sulla scheda “Pagamenti” e selezionare “Nuovo”;
  • selezionare “Crea nuovo beneficiario”;
  • fare analoga operazione con “Aggiungi conto bancario” indicando le coordinate bancarie.

A questo punto occorre soltanto immettere le informazioni richieste, ovvero il numero di conto, l’importo, la valuta desiderata e la causale, per poi ultimare il tutto premendo su “Invia”.

Per quanto riguarda i costi per il trasferimento di denaro, non sussistono ove esso non superi il margine indicato. Se il bonifico a valute incrociate lo supera la commissione applicata è pari allo 0,5% dell’importo, venendo comunque azzerata nel caso dei clienti che detengono un conto Premium o Metal.

Si ricorda, però, che potrebbe essere la banca del beneficiario a stabilire una commissione di ricezione, il cui importo può variare notevolmente. Per capirne l’importo, si consiglia di consultare il profilo, comunque puramente indicativo, pubblicato all’uopo da Revolut (sito ufficiale).

Quali sono i limiti per i bonifici?

Anche i bonifici prevedono dei limiti:

  • nel caso venga effettuato un bonifico in sterline a favore di un beneficiario nel Regno Unito, il tetto massimo è di 80mila euro, con un limite giornaliero di 100mila. In pratica non si possono effettuare bonifici in uscita superiori ai 100mila euro in un giorno;
  • il limite settimanale è posizionato a 250mila euro totali;
  • non si possono effettuare più di 15 bonifici al giorno, o più di 80 alla settimana.

Ove si provi ad effettuare un trasferimento superiore agli importi consentiti, il bonifico sarà reindirizzato ad un altro processore di pagamento al fine di essere comunque eseguito, ma il tempo impiegato potrebbe essere maggiore. Inoltre sull’estratto conto risulterà effettuato da Revolut Ltd.

Il trading sulle criptovalute

Anche le criptovalute rientrano nel raggio di azione di Revolut (sito ufficiale). Tanto da destare un interesse che ha costretto a porre limiti nell’accesso a questa funzione. Per ora, quindi, si è deciso di permettere questa modalità di trading solo ai sottoscrittori del conto Premium.

Chi invece ha virato sul conto Standard, per poter trattare monete virtuali può accedere spingendo non meno di tre conoscenti a sottoscrivere Revolut (sito ufficiale).

Al momento l’offerta di token trattabili sono:

  • Bitcoin
  • Ripple
  • Ethereum
  • Bitcoin Cash
  • Litecoin

cui presto potrebbero aggiungersene altre.

Chi vuole acquistarle può farlo tramite Bitstamp (sito ufficiale), l’exchange scelto da Revolut, senza versare commissioni.

Al tasso fissato da Bitstamp occorre però aggiunto un mark up dell’1,5%, che permette all’azienda di coprirsi dalla pronunciata instabilità delle quotazioni.

Le monete digitali acquistate, possono poi essere oggetto di invio ad altri detentori della carta.

Va però ricordato un punto importante: i token non possono essere inviati su un wallet esterno, ma usare solo quello proposto da Bitstamp. Proprio questo genere di cassaforte digitale è però molto esposto all’hacking.

Come fare trading con Revolut

Il trading online su Revolut (sito ufficiale) può essere praticato esclusivamente dai residenti legali dello Spazio Economico Europeo (SEE) e in Gibilterra, a patto che siano maggiorenni e utilizzino almeno la versione 6.2 dell’app.

Il finanziamento del conto per il trading avviene mediante il trasferimento dei fondi necessari dal proprio conto Revolut (sito ufficiale). 
Il grande vantaggio consiste nel fatto che non esistono importi minimi per approntare un’operazione. Mentre per quanto riguarda l’importo minimo e massimo per ordine è fissato rispettivamente ad uno e mille dollari.

Come fare trading con l’oro

Una possibilità aggiuntiva di trading è poi quella sull’oro. In questo caso il metallo prezioso non viene detenuto fisicamente, in quanto l’investimento riguarda solo la sua quotazione.

La compravendita di oro ha luogo sul mercato interbancario di Londra, con un prezzo calcolato in base al valore di mercato di 1 oncia troy (il corrispondente di circa 31 grammi).
L’oro acquistato non può essere trasferito fuori dal conto, ma può comunque essere trasferito da un utente Revolut (sito ufficiale) a un altro tramite app, o essere convertito in criptovalute per gli acquisti.

Per quanto riguarda le transazioni, su ognuna di esse c’è una commissione dello 0,25% nel corso della settimana, dell’1% nel week-end.

Il prezzo da pagare viene fissato nel momento in cui ha luogo lo scambio.

L’assicurazione per i viaggi

Altra interessante possibilità per i sottoscrittori di Revolut (sito ufficiale), è poi quella fornita dalla sottoscrizione di una assicurazione per i viaggi. Si tratta di una polizza Pay-per-Day, tale da prevedere il pagamento solo sulla base dell’effettivo consumo, grazie alla geolocalizzazione.

In pratica si attiva solo quando l’utente si trova effettivamente fuori dai propri confini nazionali. Oltre i 40 giorni, però, non può essere attivata, neanche se integrata ad altra assicurazione.

Grazie ad essa, è possibile la copertura delle spese mediche d’emergenza, che arriva a 15mila euro. Ne copre sino a 300, invece, in caso di trattamento dentistico.
Anche gli eventuali ritardi per voli internazionali e nel reperimento dei bagagli sono coperti dall’assicurazione, potendo arrivare sino a 320 euro.

Il diritto al rimborso scatta dopo le 4 ore di ritardo, mentre non sono oggetto della polizza la cancellazione di voli e i ritardi nei voli interni nazionali.
Se il suo costo dipende da fattori come le tasse a carico dei premi assicurativi, per chi sottoscrive Premium o Metal viene automaticamente azzerato.

L’assicurazione per i dispositivi

Revolut (sito ufficiale), inoltre, propone una polizza a favore dei dispositivi per la mobilità, ovvero rivolta a smatphone o tablet, al fine di cautelarsi da possibili cadute, rotture, guasti non coperti dalla garanzia, danni causati da liquidi o allo schermo. 
La polizza può essere sottoscritta online, direttamente dall’app, grazie ad un iter rapidissimo.

La rapidità della procedura si mixa poi con la grande convenienza, considerato come il prezzo si attesti praticamente alla metà rispetto ai piani assicurativi per la rete mobile vigenti in Europa.

Per poterne usufruire si parte da un minimo di 90 centesimi settimanali, ma chi opta per il pagamento anticipato dell’intero anno ha diritto al 13% di sconto. Mentre non è possibile il diritto di recesso prima della scadenza naturale.

Pro e contro

Come tutti i prodotti finanziari, Revolut (sito ufficiale) offre pro e contro. Tra i primi il tasso di cambio interbancario anche con il conto Standard, l’assicurazione di viaggio, la possibilità di investire in 5 diverse criptovalute e la possibilità di fare trading online.
 Tra i secondi occorre rimarcare l’impossibilità di pagare MAV e Rav, domiciliare le bollette o ricaricare lo smartphone tramite app. Limitazioni che gli impediscono infine di essere un vero ausilio giornaliero.

Opinioni clienti su Revolut

Alternative a Revolut

Revolut vs Hype

Meglio Revolut (sito ufficiale) o Hype (sito ufficiale)?

La risposta non è semplice e dovrebbe tenere conto delle esigenze dell’utente. Ad esempio, per quanto riguarda il codice IBAN solo quello di Hype è italiano, mentre Revolut (sito ufficiale) mette a disposizione un codice europeo rilasciato nel Regno Unito. Ne consegue che la prepagata di Banca Sella mette a disposizione i bonifici SEPA.

Entrambe gestibili da smartphone, grazie ad app compatibili con iOS-Apple e Android, consentono di unire movimenti, risparmio e sicurezza. Solo Hype, però, può essere ricaricata in agenzia.

In definitiva, per chi desideri una prepagata per uso quotidiano in Italia e nei paesi Euro, Hype assicura in più i vantaggi di prelievi illimitati gratuiti, la ricarica del credito telefonico e il pagamento dei bollettini.

Revolut vs Transferwise

Se Revolut (sito ufficiale) è stata fondata come una carta multivaluta con l’ambizione di rivoluzionare il settore bancario, TransferWise (sito ufficiale) rappresenta soprattutto un servizio di trasferimento di denaro online peer-to-peer con cui inviare denaro all’estero a un prezzo più economico rispetto alla maggior parte dei concorrenti.

Tra i fattori da tenere in considerazione, in un confronto tra le due carte, ci sono soprattutto il fatto che Revolut (sito ufficiale) assicura un numero maggiore di funzionalità e il trading di criptovalute. Fattori che fanno pendere la bilancia dalla sua parte.